Ecco spiegato perchè non vendo i pattini a rotelle Impala

Ecco spiegato perchè non vendo i pattini a rotelle Impala

Me l'avete chiesto in molte persone e ho pensato di fare un po' di chiarezza sul perchè non tengo i pattini a rotelle Impala nel mio rollerskate shop.

Ho reso note per la prima volta le mie motivazioni tramite questo post sul mio vecchio blog, che deve aver davvero colto nel segno, perchè molte persone durante gli eventi o i meetup vengono da me e mi ringraziano. 

"Grazie a te ho evitato una spesa inutile!" oppure "Vorrei aver letto il tuo post prima, ormai ho comprato gli Impala e mi sono pentita, ma il prossimo paio di pattini sarà ben pensato!".

impala pattini a rotelle rollerskates shop italia coven

Tramite questo post vado a spiegarvi perchè, oltre a sconsigliarne l'acquisto, ho deciso di non vendere questi pattini.


Disclaimer: Ci tengo a precisare che questo articolo riporta testimonianze prese online e trae delle ovvie conclusioni. Io stessa ho testato questi pattini (infatti ne possiedo un paio) perchè volevo formare una mia opinione.

"Se vendessi questi pattini, sarebbero soldi facili!" potrebbe dirmi qualcuno. È vero, i pattini Impala sono carini da vedere, escono sempre con colori nuovi e sicuramente fanno la loro figura. Hanno un marketing efficace, molti soldi per le sponsorizzate, e dunque è impossibile che almeno una volta sul vostro feed Instagram o Facebook non vi sia saltata fuori una pubblicità degli Impala.


impala pattini a rotelle rollerskates negozio italia coven shop

 

Senza saperne nulla però, da consumator* consapevoli quali siete, dovreste già accorgervi di una red flag importante: ma perchè Impala fa sempre uscire colori nuovi, ma il modello è sempre uguale?

Seconda red flag: come mai tutte le persone che skateano per Impala hanno sempre pattini diversi ai piedi (al ritmo di un paio al mese)?

Ma facciamo un passo indietro nel tempo.

I pattini Impala si affacciano sul mercato nel 2018, quindi abbastanza di recente. Impala è un brand di Globe International, multinazionale australiana che, tra i vari brand proprietari annovera FXD Workwear, Salty Crew e dot electric skateboards.

In poche parole, Impala non è altro che un progetto di business nato da una multinazionale che ha nasato un gap nel mercato e, avendo la disponibilità economica per farlo, si è lanciata prepotentemente dentro una scena che già era in ascesa da anni (grazie a realtà come CIBcrew o Moxi).


“Bello” direte voi “Se sono una multinazionale significa che avranno i soldi per fabbricare bene i pattini”. Purtroppo non è così.

Negli ultimi due anni ci sono state parecchie segnalazioni di rollerskater che hanno visto i loro pattini Impala rompersi tragicamente a poche settimane – se non pochi giorni – dall’acquisto.


Tra gli incidenti più frequenti troviamo lo scollamento del tacco (sì, non è cucito, bensì incollato) o i truck storti, oltre che una fisiologica usura rapida dei materiali (soprattutto quelli del boot).

Qui sotto un tipico scollamento del tacco:

impala rollerskates pattini tacco scollato breaking break 

Nella foto successiva invece, presa da questo post su Reddit, addirittura vediamo dei truck rotti. La persona che ha postato la foto dice "Possiedo questi pattini da meno di un mese. Li ho sottoposti ad un utilizzo normale. Sono una rollerskater di livello intermedio, ma non faccio nulla al di fuori dell'ordinario che possa aver causato una rottura così improvvisa e violenta dei truck. Ballo nei rink e non faccio salti, nè park skating. Stavo semplicemente eseguendo degli incroci pattinando all'indietro quando i truck si sono rotti".

impala breaking break rollerskates

E non solo, sembra anche che il loro servizio clienti non sia per nulla responsivo, quindi se vi trovate in difficoltà potreste non trovare l'assistenza che cercate.

impala customer service not responding


Questo ha portato ad una vera e propria protesta all’interno della community internazionale del rollerskate, che se da una parte si schierava rispetto all’idea che sia positivo avere dei pattini entry-level con un prezzo accessibile ai più, dall’altra puntavano il dito non solo verso il brand ma anche verso tutte le sue brand ambassador che venivano supportate dal brand stesso nel pubblicizzare gli Impala come adatti allo skatepark, sicuri e di qualità.

Sul profilo instagram di Rollerhoez, nelle storie in evidenza, vedete tutto quello che è successo. Basta cliccare su "Impala part 1, 2 e 3" per leggere le decine di recensioni negative.
Vi basta anche fare un giro su Reddit per vedere una raccolta di recensioni negative o cercare "impala rollerskates break" su google.


Conclusione:

I materiali con cui sono costruiti questi pattini non sono fatti per durare, ma per alimentare un ricambio veloce (li rompo/rovino, ne compro di nuovi, magari di un altro colore).
In pratica Impala è il fast fashion del rollerskate.


“Ma me li consiglieresti per andare in giro in ciclabile o al parchetto?”

Mah, ni.

Se non avessimo altra scelta ti direi di sì, ma visto che le scelte ci sono, perchè non investire in qualcosa di più onesto?

Se dovessi consigliarti dei pattini intorno a quel range di prezzo (100 euro), ti direi di supportare un brand italiano come Fila skates (abbiamo i loro pattini Eve Up White qui). Oppure il brand inglese Rookie, che produce pattini con un ottimo rapporto qualità-prezzo.

 
pattini a rotelle roller fila skates sport coven rollerskate


Se questo articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, fammelo sapere nei commenti.

Altrimenti, unisciti alla conversazione su Instagram

 

 

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.